DETTI E PROVERBI CALABRESI

Cu voli u schecchu mi su ‘ccatta

Chivuole l’asino che se lo compri

I chjiachjiri mi futtu, i maccarruni mi mangiu

Le chiacchiere non  mi interessano, i maccheroni me li mangio

Chi ‘ndavi e ‘non teni malannu ‘nci veni

Chi non ha e non tiene un malanno gli viene

A vecchjiaia e' na carogna

La vecchiaia è una carogna

Cu patri e cu patruni nun hai  mai raggjiuni

Col padre e col padrone non hai mai ragione

U ‘bboi dici curnutu o scecchu

Il toro dice cornuto all'asino

Dopu i cunfetti si vidunu i difetti

Dopo i confetti si  scoprono i difetti

Po pani e po vinu si cangia u vicinu

Per il pane e per il vino si cambia il vicino

Porci e figghijoli cumu i ‘mpari i trovi

I maiali e i figli come li educhi li trovi

Vale cchijù ‘na bona parola che cientu lignati

Vale più una parola che cento bastonate

U saziu nun cridi o sdijunu

Il sazio non crede al gigiuno

U Signuri manda u pani a cu non ‘ndavi denti

Il Signore manda il pane a chi non ha denti

‘Nt’ogni mandria c’è na pecura rugnusa

 In ogni mandria c’è una pecora rognosa

A pratica ruppi a grammatica

La pratica rompe la grammatica

A undi pari che u lardu spandi a mala pena i cavuli si cundunu

Dove sembra che il lardo gocciola a mala pena i cavoli si condiscono

Cu vivi i speranza disperatu mori

Chi vive di speranza disperato muore

E' megghjiu u pani nìgru ca fami sicura

E' meglio il pane nero che la fame sicura

A San Martinu caccia ll'acqua e menti 'u vinu

A San Martino metti via l'acqua e metti il vino

Frittu, dissi 'u pìsci, quandu si vitti ‘mpanatu

Sono fritto, disse il pesce, quando si è visto infarinato

Cu ‘mpresta perdi a testa

Chi presta perde la testa

Cu' megghiu si conza u lettu megghiu si curca

Chi bene si accomoda il letto meglio si corica

Cu' prima ‘nun penza dopu suspira

Chi prima non pensa dopo sospira

Cu pecura si faci u lupu sa mangia

Chi pecora si fa il lupo se lo mangia

Cu' nun si faci l'affari soi ca lanterna va cercandu guaji

Chi non si fa gli affari suoi con la lanterna va cercando guai

Cu' patri e cu' patruni sempri tortu e mai raggiuni

Con il padre e con il padrone sempre torto e mai ragione

Si u pupulu nun parra u previti si marìta

Se il popolo non parla il prete si sposa

Cu' travagghia àvi 'na sardina e cu' non lavura àvi 'na gajina

Chi lavora ha una sardina e chi non lavora ha una gallina

L'acqua faci mali e u vinu faci cantari

L'acqua fa male e il vino fa cantare

Pisci cottu e carni cruda

Pesce cotto e carne cruda

A butti ‘ndavi ‘u vinu chi tteni

La botte dà il vino che contiene

Lardu e pisci cchiù ‘ndavi e cchiù ‘ndi smartisci

Lardo e pesci più ne hai più ne smaltisci

I surdi sunnu ‘nta bucca i tutti ma ‘nta tasca sulu i chi ‘ncci l’ha

I soldi sono nella bocca di tutti ma nella tasca solo di chi ce li ha

Chu ‘nun si fa l’affari soi cu ‘a lanterna va cercandu guaji

Chi non si fa gli affari suoi con la lanterna cerca guai

A lingua non avi ossa ma rumpi l’ossa

La lingua non ha ossa ma rompe le ossa

Dall’acqua e du focu ‘nun c’è ‘llocu

Dall’acqua e dal fuoco non c’è posto (per salvarsi)

Quandu a vacca non mangia chi boi o mangia prima o mangia poi   

Quando la mucca non mangia con i buoi o ha già mangiato prima oppure mangia dopo

I  fimmini d'aguannu sunnu cumu i fichi  d’imbernu, non trovanu i si maritanu e jestimmanu u patreternu   

Le donne di quest'anno sono come i fichi dell'inverno, non trovano il marito e bestemmiano il padre eterno

Cu chi contrari si curca, chi pulici si ‘arza

Chi con i bambini si corica, con le pulci si alza

Soceri e cugnati diavuli du celu sunnu calati   

Suocere e cognate diavole, dal cielo sono calate

Si u ciucciu non voli ‘mbivijri t'ibbaca chi friskci  

Se l'asino non vuole bere è inutile che gli fischi

Fimmana chi batti l'anca, o è troia o pocu ‘nci manca  

La donna che agita la gamba, o è puttana o poco ci manca

Carceri, malatij e necessitati, scandadgjanu u cori dill'amici   

Carcere, malattie e necessità, svelano il cuore degli amici

U ‘zzappaturi a notti penza pe comu fari pricu pa panza

Il contadino la notte medita come  fare  per riempire lo stomaco

U maru chi non si faci i cazzi soi, cu ‘na lanterna va cercandu guai!   

L'imprudente che non pensa agli affari suoi, cerca i guai con la lanterna!

Cu non sapi futtiri si ‘mbroggjia chi pili

Chi non sa fottere si imbroglia con i peli

Chi mangia di bon'ura, ccu nu pugnu scascia nu muru

Chi mangia di buon'ora, con un pugno rompe il muro

A vulisti a bicicretta, e mò pidala!

Hai voluto la bicicletta, ora pedala!

I cambiali sugnu megghju di mugghjeri: quandu i paghi ti cacci di pedi

Le cambiali sono meglio delle mogli: quando le paghi te le levi dai piedi

U megghiu vinu si faci citu

Il vino migliore diventa aceto

Quandu u ciucciu nun voli 'mbiviri avi vojia ca 'nci frischji

Quando l'asino non vuole bere è inutile che gli fischi

'Nta stagiuni sicca puru i serpi ca 'nta lu 'mbernu ti parinu angiji

Nell'estate secca (quando c'è abbondanza) anche le serpi che in inverno (nelle ristrettezze) ti sembreranno anguille

A petra ca nun faci lippu sa lèva 'a schjumara

La pietra che non si lega al terreno se la leva la fiumara

Ogni testa nu tribunali

Ogni testa è come un tribunale (ognuno ha il suo modo di pensare)

Pignata visitata mai ‘nbugghji

Pignata visitata (continuamente) non bolle mai

'Cu erba mangia pecura diventa

Chi mangia erba diventa pecora

Ogghiu du n’annu e vinu di cent’anni

Olio di un anno e vino di cento anni

L'ovu cuvatu vali 'nnu ducatu

L'uovo covato vale un ducato

Cu' travagghia a'vi 'na sardina, e cu 'nun lavura a'vi 'na gajina

Chi fatica per una sardina, e chi non lavora per una gallina

A fari beni all’asinu è tempu perdutu

A fare del bene all’asino è tempo perso

U cani muzzica sempre u stracciaru

Il cane morde sempre chi ha le vesti stracciate

N.B.: Tanti di questi proverbi sono dovuti ai ricordi dei miei genitori