Articolo tratto dal sito www.africo.net

CASALNUOVO

DA " STORIA DELL'ARCIDIOCESI DI GERACE"

di Antonio OPPEDISANO

chiesacasalnuovoCasalnuovo, posto a 737 m. sul mare, è il paese più distante della Diocesi, e vi si accede attraverso una via mulattiera, fiancheggiata da orridi precipizii. Un tempo il paese ebbe molto a soffrire a causa del brigantaggio, formato da malviventi del medesimo paese, e poscia, per castighi inflitti dal Governo, è rientrato nell'ordine. La chiesa, che pare sia stata edificata nel 1630, dal Principe di Roccella, che ne tenne il patronato fino ad epoca non accertata, per economale; fu poscia mantenuta dalla pietà dei fedeli, e nel 1783, l'economo fu retribuito dalla C.S. con l'annuo compenso di 60 ducati. Con Bolla del Vescovo Barisani del 4 dicembre 1798 fu elevata a chiesa parrocchiale. La chiesa possedeva il beneficio del SS. Rosario, di patrono della famiglia Maisano, con l'onere di una messa per ciascun sabato, e con l'obbligo di fare la festa annuale. L'altro beneficio, detto del Carmine, era di patrono della famiglia Bruzzaniti. Nella giurisdizione parrocchiale non vi furono chiese sussidiarie, nemmeno in tempi antichi. Nel 1830, il vescovo, si era interessato di fare elevare Casalnuovo a comune autonomo, smembrando da Africo, ma la Intendenza di Reggio, in data 28 luglio 1830, non aderì perchè il numero della popolazione era inferiore a 1000 anime, quante ne richiedeva la legge; continua tuttavia a rimanere sottocomune di Africo. La chiesa, essendo stata devastata dal terremoto del 1908, è stata demolita, ed è in costruzione la nuova, che ha le dimensioni di m. 18 x 7, e sarà rifatta a spese dello Stato, con la somma di L. 321000. L'annuo reddito che percepisce il parroco è di circa L. 4000, compreso il supplemento di congrua in L. 2562 e la rimanenza proviene da otto censi annui. Da una nota esistente in Curia, del 1859, apparisce che la parrocchia di Casalnuovo possedeva censi e prestazioni anche in territorio di Gerace, e propriamente nelle contrade: Tafaria, S.Monica, Puzzello, S.Fili, Trunchi, Conzora, Bricà, Misovano, Camocelli o Riposo, Filiciuso, Squellazza e Carbone. In chiesa non vi sono sodalizi, né associazioni religiose. La popolazione é di circa 1030. Non vi ha canonica, né oggetti preziosi, né opere di arte o storiche. Titolare e patrono della parrocchia é il SS. Salvatore. Le processioni che si fanno a Casalnuovo sono: quella del Carmine; del SS. Salvatore e l'Addolorata.



Cronologia dei curati che si sono succeduti nel corso degli anni dal 1654 in poi:

1654 Michele Moio - Francesco Mollica - Bartolo Misiano - Paolo Lucano - Pietro Stilo - Silvio Velonà - Pietro Romeo - Francesco Patamisi

1703 Martino Stillà - Nunzio Mojo

1733 Giacchino Sagoleo

1737 Domenico Luccisano

1745 Domenico Sculli - Placido Stilo

1768 Francesco Gattani

1769 Andrea Sculli

1771 Antonio Migliardò

1775 Andrea Sculli a interim

1779 Giuseppe Politi

1780 Bruno Muscatello

1781 Francesco Gattani a interim

1798 Francesco Gattani nipote primo parroco

1808 Domenico Palamara

1831 Giuseppe Palamara - Gioacchino Mollica

1879 Salvatore Palamara

1906 Antonio Sciplini - Francesco Scordo da Bianco

1909 Antonio Sciplini - Francesco Pisani da Bruzzano

1917 Francesco Marando da Platì

1921 Francesco Pugliese da Gerace

1925 Antonio Pelle da Antonimina.

(Cronologia inserita grazie alla segnalazione di Andrea Morabito - Bianco)